SILVIA GOGGI –  MEDICO NUTRIZIONISTA

Quando arriva il momento di scrivere le mie proposte per il menu settimanale e mandarle a Rosella di DrMamma.it fisso il cursore che lampeggia sul foglio vuoto e mi domando se anche questa settimana riuscirò a pensare a 5 pasti completi tutti a base vegetale e, soprattutto, sempre diversi.
Per fortuna mi basta dare un’occhiata al calendario delle verdure di stagione o ispirarmi scorrendo la lista dei legumi in vendita nel supermercato online per trovare rapidamente l’ispirazione.

Se la cucina mediterranea non fosse sufficiente basta spostare lo sguardo oltre i nostri confini per scoprire che ogni paese ha la sua tradizione di piatti interamente vegetali!
La cucina vegetale, dipinta spesso come noiosa, monotona e sciapa offre decine di combinazioni diverse.
Dall’estate a oggi vi ho proposto nei menu più di 150 ricette diverse, senza mai ripetermi.
Quanto durerà? Chissà.

Quel che è certo è che con i colori brillanti e i sapori freschi degli alimenti vegetali le combinazioni sono infinite.
Vi lascio con alcune di loro in un menu settimanale che solo a pensarlo mi fa venire l’acquolina in bocca, spero piaccia anche a voi!

 

Lunedì

Trofie al pesto di carciofi e noci

Polpette di ceci, prezzemolo, aneto ed erba cipollina

Faccio una confessione. Ho già provato entrambe queste ricette perché da quando le ho pensate mi sono entrate in testa e non sono riuscita a resistere.
Per la prima, ho telefonato a mio marito dicendo di mettere nel frullatore i carciofi che avevo cotto con un po’ di aglio (ma senza frullare l’aglio), tutte le noci che trovava in uno dei barattoli sulla mensola della cucina, del prezzemolo tritato, un giro di olio e di ammorbidire la crema con l’acqua della pasta.
Quando sono uscita dalla metropolitana ha aggiunto il pesto alle trofie che tengo sempre in frigo. Il piatto fumante che mi ha accolto è stato divorato in meno di 5 minuti!

Vi ho già messo la ricetta delle polpette nel Gruppo Facebook delle Mamme e Papà di Milano. La ricetta appartiene alla serie “metti tutto nel frullatore, frulla, fai le polpette e inforna a 180°C per 20 minuti”.
La scorza di limone e il succo di mezzo limone aggiunti all’impasto attribuiscono un tocco di freschezza, mentre un cucchiaio di semi di lino rende l’impasto compatto.

 

Martedì

Risotto ai mirtilli mantecato alle nocciole

Mini burger di edamame, olive e pomodori secchi

Vi assicuro per esperienza che mirtilli e nocciole stanno benissimo nelle insalate e, ho scoperto con una rapida ricerca sul web, anche nei risotti.
I mirtilli vanno aggiunti dopo aver tostato il riso, e si sfaldano nel brodo.
Poco prima della fine, aggiungete una cucchiaiata di crema 100% nocciole, invece della granella proposta dalla maggior parte delle ricette.

Gli edamame (soia giovane) sono un legume a cui non penso quasi mai se non quando devo ordinare cibo asiatico. Invece l’abbinamento con i mediterranei pomodori secchi e capperi è delizioso!
Vi serviranno edamame (quelli surgelati sono pronti in 4 minuti di microonde), pomodori secchi reidratati, olive nere, semi di lino per rendere compatto l’impasto e fiocchi d’avena per addensare. Mettete tutto nel frullatore, fate riposare e ricavatene dei mini-burger da cuocere da entrambi i lati in padella.

 

Mercoledì

Crema di fagioli bianchi e verza con sorgo

Insalata di cavolo viola e carote con salsa allo yogurt

Non mi rassegno al fatto che la stagione dei cavoli & famiglia stia per finire, quindi questa sera facciamo il bis!
Mettete la verza a listarelle a soffriggere con un po’ di cipolla, aggiungete il brodo vegetale e i fagioli bianchi di Spagna.
Fate cuocere per una mezz’oretta e frullate con il minipimer prima di servire.

Tagliate il cavolo viola a listarelle e le carote per il lungo con il pelapatate, e condite con una salsina di yogurt di soia, sale e limone.

 

Giovedì

Rigatoni al sugo di olive

Cubetti di tempeh allo zenzero e limone con pak choi saltato

Quando sono un po’ stanca, come a metà settimana, mi lascio tentare dal preparare “solo” della pasta al pomodoro. Basta però qualche oliva taggiasca aggiunta alla fine per darmi l’illusione di essere a Masterchef e per apportare una quota di grassi buoni in più.

Qual è la figura retorica che accosta nella stessa frase concetti opposti?
Un ossimoro (l’ho Googlato, non me lo ricordavo, mea culpa).
Ecco, la cena di oggi è un ossimoro.
Si passa da un primo piatto dal sapore Italiano agli orientali cubetti di tempeh passati nella farina e nello zenzero secco in polvere, saltati in padella, sfumati con il limone e accompagnati da cavolo cinese saltato in padella.

 

Venerdì

Patate Hasselback alle erbe

Crema di cannellini all’indiana con bastoncini di verdure crude

Quando i miei figli saranno più grandi voglio istituire il FFF, Foreign Food Friday, la serata del cibo straniero.
Nel frattempo mi esercito provando le patate Hasselback, inventate in un ristorante di Stoccolma.
Tagliate le patate a fettine sottili ma senza arrivare fino in fondo (la patata deve rimanere intera, per intenderci, e le fettine rimanervi attaccate). Lavatele per togliere un po’ di amido (saranno più croccanti) e versate un mix di olio, erbe aromatiche e sale tra una fettina e l’altra. Infornate a 200°C per circa 40 minuti e terminate con qualche minuto di grill.

Per la salsa frullate i fagioli cannellini con la crema di mandorle, aglio, prezzemolo e una generosa dose di Garam Masala, un mix di spezie indiane.
Otterrete una salsa profumata dove intingere i bastoncini di verdure mentre le patate cuociono in forno.
Avrete fatto migliaia di chilometri senza muovervi dal divano! 😉