ROSELLA

In caso di emergenza non farti trovare impreparato! Una App sviluppata dall’AREU  (Azienda Regionale dell’Emergenza Urgenza) consente di effettuare una chiamata di emergenza e inviare contemporaneamente  alla Centrali del Numero Unico dell’Emergenza 112 la posizione esatta del chiamante anche nei casi in cui questi non conosca o non sia in grado di fornire dati precisi sulla propria posizione. L’app infatti rileva la localizzazione tramite il GPS dello smartphone o del tablet del malcapitato e li invia al servizio di emergenza tramite rete dati o tramite SMS se la rete dati non è disponibile. Il doppio canale di trasmissione assicura sempre l’invio della posizione ogniqualvolta sia possibile effettuare una telefonata. La localizzazione è attiva e trasmessa solo quando l’utente accede all’applicazione.

Vista la semplicità dell’idea, può sembrare poca cosa.  In realtà la difficoltà di reperire e comunicare velocemente e con sicurezza il luogo dell’evento è spesso causa di ritardi che possono risultare decisivi per la rapidità e l’efficacia dell’intervento di Carabinieri, Polizia, Vigili del Fuoco e Soccorso Sanitario.

Come scaricarla?

L’applicazione si chiama Where ARE U, è gratuita e può essere istallata su qualsiasi telefono smartphone o altro dispositivo mobile. Where ARE U è disponibile per smartphone iOS, Android e Windows Phone.
La si può scaricare  dal sito dedicato where.areu.lombardia.it oppure su Apple App store, Google Play Store o Windows Phone App Store, cercando “112 Where ARE U”.

E se non posso parlare?

Un’altra importante funzione è quella della chiamata muta. Se il chiamante non è in grado di parlare o teme di farlo per non mettere a repentaglio la propria incolumità l’app consente di effettuare una chiamata muta: con appositi pulsanti è possibile segnalare il tipo di soccorso richiesto.

L’applicazione è disponibile in diverse lingue e può essere utilizzata anche da persone sorde o mute.

L’app Where ARE U esiste già da alcuni anni, ma pochi ne sono venuti a conoscenza. E ahimè, ancora oggi, non tutte le Centrali d’Emergenza d’Italia sono collegate. L’App funziona in Lombardia, Liguria, Trentino Alto Adige, Friuli Venezia Giulia, Lazio e Sicilia.

Il servizio è attivo tutti i giorni, 24 ore su 24. Sperando di non doverlo mai utilizzare 😉