DR SILVIA GOGGI – MEDICO NUTRIZIONISTA

C’è chi inizia a correre tutti i giorni all’alba diverse settimane prima di una gara e chi inizia settimane o mesi prima a fare le prove generali per il cenone di Natale e Capodanno.

Immagino che abbiate indovinato subito a quale categoria appartengo 😉

Se è vero che a Natale siamo tutti più buoni…è altrettanto vero che possiamo cucinare etico, in modo veloce e senza usare necessariamente prodotti vegetali inusuali. Si possono usare quelli che sono abitualmente nella dispensa o nel frigo. O comunque facilmente reperibili al supermercato.

Come sempre, ho scelto i piatti di questo menu pensando alle esigenze delle persone che lavorano, si occupano della casa e hanno sempre poco tempo da passare ai fornelli! Per questo ho scelto delle ricette molto facili, che si possano preparare anche con due-tre giorni d’anticipo e che potranno stupire anche l’onnivoro più reticente!  Allora che comincino le prove!

Cosa ne pensate dei piatti proposti in questo menu settimanale? Promossi o bocciati?

 

Lunedì

Passato di zucca e lenticchie rosse al latte di cocco con crostini

Broccoli aglio e olio

Come vi avevo anticipato in uno dei passati menù, il latte di cocco è un alimento vegetale dal profilo lipidico non proprio favorevole. Gli oli tropicali, peraltro, rallentano il processo di conversione degli omega-3 nel nostro organismo.

Fatta questa premessa…. Per questo piatto un’eccezione va fatta!

Dopo aver cotto la zucca tagliata a pezzi con un po’ di olio, aglio e cipolla la copro con una lattina di latte di cocco e del brodo vegetale.

Prima di aggiungere le lenticchie cotte e i crostini frullo per un minuto, così che diventi super cremosa!

Ho personalmente fatto pace con i broccoli qualche anno fa, solo dopo aver imparato a cucinarli in questo modo (e da lì, non mi sono più fermata!).

Taglio le cimette e le lascio sul tagliere per una mezzoretta: sapevate che così facendo si attiva un potentissimo enzima anti-tumorale?

Le butto in acqua salata bollente per pochissimi minuti, 3 o 4, non di più! Devono rimanere belli verdi.

Con una schiumarola li butto in una padella dove l’aglio starà già rosolando. Deliziosi!

 

Martedì

Involtini di verza al forno con riso al topinambur e lenticchie, pinoli e uvetta

Spinaci in padella

Il topinambur l’avevate già incontrato QUI.  Il procedimento è lo stesso, basta sostituire il miglio con il riso.

Mentre il riso cuoce, stacco da una verza le foglie più esterne e le sbollento per qualche minuto, poi le asciugo (è meglio sbollentarle che cuocerle al vapore, altrimenti non saranno mai pronte!).

Aggiungo al riso l’uvetta, le lenticchie rosse già cotte e i pinoli, mescolo bene. Compongo gli involtini con le foglie di verza e il riso come ripieno. Li dispongo in una teglia e li bagno con (poca!) besciamella a base vegetale. Cospargo il tutto di pangrattato e lievito alimentare in fiocchi.

Cuocete in forno per 15-20 minuti a 180°C. Sentirete che profumino!

 

Mercoledì

Lasagne di lenticchie alla ligure

Carote julienne e barbabietola a vapore tagliata a dadini

Per l’idea di questa ricetta ringrazio Samantha, una mamma del gruppo Facebook delle Mamme e Papà di Milano, un’amica, nonché una chef di professione. Da quando ha postato la foto di questo piatto non vedo l’ora di provarla!

Le lasagne di lenticchie (si trovano al NaturaSì) funzionano come le lasagne normali: vanno sbollentate per qualche minuto e asciugate.

Come ho intenzione di farcirle? Samantha le aveva fatte con patate e fagiolini cotti, pesto di basilico e pinoli, besciamella vegetale (che vi dovrebbe essere avanzata dagli involtini, qui non si butta via niente!). Infine una gratinata con pangrattato e lievito alimentare è d’obbligo anche qui!

 

Giovedì

Risotto al sugo con fagioli rossi

Verza ripassata in padella

Questa ricetta è nata per caso. Avevo degli avanzi da riciclare e, come al solito, le ricette ‘di fortuna’ si rivelano le migliori.

Fate il risotto come da vostra abitudine, ma prima di aggiungere il brodo versate nella pentola del sugo di pomodoro e aspettate che il riso lo assorba per bene. Poco prima della fine aggiungete anche i fagioli rossi già cotti.

 

Venerdì

Tigelle con hummus di ceci e bastoncini di verdure (sedano, carota, daikon)

Stasera prometto che non dovrete accendere i fornelli!

L’hummus di ceci è facilissimo da fare in casa, ma non troverei scandaloso se l’ultimo giorno lavorativo della settimana cedeste a quello già pronto del banco frigo.

Le tigelle sono un’idea per servire salsine di ogni genere ai bambini: sono piccole, morbide e maneggevoli. Sono ospiti fisse nel mio frigo per serate come questa, dove più che un pasto la cena sembra…un aperitivo! A Milano un must!

 

Buon Natale a TUTTI!