DR.SSA SILVIA GOGGI – MEDICO NUTRIZIONISTA

Con l’arrivo dei primi caldi e la minaccia dell’imminente prova costume l’attenzione dei media si concentra sempre sullo stesso tema, ovvero su quale sia la dieta migliore per dimagrire, per perdere i chili accumulati nei mesi precedenti.

Sarebbe meglio non limitarsi a cercare di non fallire la prova costume, ma proporsi piuttosto obiettivi più ambiziosi. Bisognerebbe dunque domandarsi: “quali sono le norme di corretta alimentazione da mettere in pratica in primavera ed estate, e che restino valide anche in autunno e inverno, per uscire dal sovrappeso e mantenere uno stile di vita sano per il resto della vita?” Così che il problema non si riproponga alla primavera successiva.

Il desiderio di voler concentrare in pochi mesi una significativa perdita di peso mette a rischio di seguire diete sbilanciate pur di raggiungere l’obiettivo. Queste rallentano però il metabolismo, con conseguente successivo recupero del peso perso e anche con gli interessi.

Quale buon esempio diamo inoltre ai nostri bambini se continuiamo a sottoporci a diete da fame in modo ciclico, non prestando attenzione a quello che mettiamo nel piatto nel resto dell’anno?
Seguire le poche (ma buone) regole che vedremo insieme non solo vi permetterà di liberarvi senza troppe sofferenze dall’eccesso di massa grassa, ma anche di mantenere un peso fisiologico e salutare nel corso dell’anno.

 

1. Non saltare mai la prima colazione!

Se non si interrompe il digiuno notturno con alimenti ricchi di carboidrati complessi, l’organismo “smonterà” i muscoli per ricavarne quel poco che riesce. Dal momento che massa muscolare = velocità del metabolismo, saltare la colazione sarebbe un enorme svantaggio. Il cervello inoltre, in cerca di glucosio che non ha ricevuto da pane, fette biscottate o cereali da colazione, vi guiderà verso i distributori automatici di merendine dell’ufficio.
Una colazione ideale e veloce che sazia fino al pranzo? Latte vegetale con fiocchi d’avena e un cucchiaio di uvetta.

 

2. Non eliminare pane, pasta e altri carboidrati complessi

Dopo il salto della colazione, questo è il secondo grave errore che spesso si compie.
Il nostro cervello funziona a glucosio. Se lo priviamo della sua benzina la ricaverà in altro modo: per esempio digerendo le cellule muscolari (vedi al punto 1) con conseguente rallentamento del metabolismo.
Nei primi tempi di dieta a ridotto o nullo contenuto di carboidrati, si perde molto peso, ma si tratta per lo più di acqua, poca massa grassa e molti muscoli!
C’è modo e modo di rifornire il nostro organismo di glucosio: una buona (cereali in chicco, pasta, pane, gallette di cereali…) e una cattiva che vedremo nel prossimo punto.

 

3. Limita gli zuccheri semplici

Il glucosio è il carburante delle nostre cellule, ma non andrebbe mai assunto attraverso bevande zuccherate, snack dolci industriali, merendine, caramelle, succhi di frutta (ebbene sì, anche quelli al 100%), barrette che si vantano di essere dietetiche.

Il dolce una volta a settimana? Quello si può. Anzi, si deve. Fa bene all’anima!
Un gelato artigianale, una fetta di torta o un muffin fatto in casa sono dei dessert che non pesano sulla linea, se consumati con intelligenza!

 

4. Sfrutta il potere saziante delle fibre

Vi sentite più sazi dopo un piatto di bresaola con rucola e grana e un piccolo panino o dopo un piatto di riso integrale con legumi e un’insalata di verdure miste di contorno?
I cereali integrali, i legumi e le verdure (ma anche frutta fresca, frutta secca e semi oleosi) contengono ottime quantità di fibra e dovrebbero costituire la base dell’alimentazione di chiunque.
La fibra garantisce un prolungato senso di sazietà che viene mantenuto a lungo, tenendoti al riparo dallo spiluccamento continuo tra un pasto e l’altro.

 

5. Non farti trovare impreparato!

Un languorino fuori orario capita a tutti. Tieni sempre nella tua borsa qualcosa di sano da sgranocchiare per non doverti dirigere di corsa verso un’ammiccante pasticceria.
Alcune idee? Una banana, un pacchetto di crackers, un sacchettino di mandorle o di noci.

 

6. Fai la spesa in modo intelligente

Se il pacchetto di merendine, di cioccolatini o di biscotti rimane sullo scaffale del supermercato non potranno venirti a stuzzicare la sera mentre guardi la tv sul divano!
Stila all’inizio della settimana un menu settimanale indicativo per tutta la famiglia e attieniti a quello nel compilare la lista della spesa. Qui potrai trovare alcune idee per il tuo menu.

 

7. Mantieniti attivo!

Non è necessario iscriversi in palestra. Sono raccomandati 150 minuti di camminata veloce ogni settimana per la cura e la prevenzione delle patologie legate all’eccesso di peso.
Il che si traduce in 30 minuti di attività fisica per 5 giorni a settimana o divisi in 2-3 sessioni settimanali.
Basta scendere una o due fermate prima dalla metropolitana scegliendo il giro più lungo per arrivare al lavoro, portare il cane a fare una lunga passeggiata dopo cena.
Fatevi accompagnare anche dai vostri figli: sarà un’occasione per stare insieme e insegnare loro a far diventare l’attività fisica un’attività routinaria e irrinunciabile.

Se rispetterete queste semplici regole, supererete senza problemi la prova costume in qualunque momento dell’anno vogliate andare al mare.   😉