LUCA SPERONI – DERMATOLOGO

Finalmente è arrivata l’estate. Il mare, il sole e il divertimento ci aspettano, ma….
Come ogni anno è in agguato anche la temuta sudamina. Si tratta di una dermatite da calore che colpisce frequentemente la pelle dei nostri bambini, soprattutto nei primi giorni di vacanza.
Facciamo un po’ di chiarezza per capire cos’è e qual è il modo migliore per affrontarla.

Che cos’è?

Si manifesta come un’eruzione cutanea molto fastidiosa e pruriginosa che colpisce in modo prevalente alcune zone del corpo come viso, spalle, collo, torace. Ma può manifestarsi ovunque. La pelle si presenta arrossata, con piccoli puntini rossi (eritema e papule). Il bambino lamenta prurito e si gratta.

SUDAMINA - DERMATOLOGO SPERONI  SUDAMINA - DERMATOLOGO SPERONI

Da che cosa è determinata?

Un’eccessiva quantità di sudore può determinare un’ostruzione dei dotti escretori delle ghiandole sudoripare, con comparsa di infiammazione e spesso con sovrapposizione di batteri normalmente presenti sulla pelle come gli stafilococchi.

Chi la manifesta?

I bambini più piccoli, che presentano delle strutture ghiandolari ancora in fase di maturazione, sono i più colpiti. Frequentemente lo sono anche i bambini affetti da dermatite atopica, più soggetti alla proliferazione di stafilococchi epidermici.

Quali sono i fattori predisponenti?

Diversi fattori possono determinare un aumento della sudorazione e l’ostruzione delle ghiandole sudoripare e generalmente interagiscono fra loro peggiorando la situazione. Possiamo riassumerli come segue:

  1. Esposizione a temperature elevate e ambienti umidi
  2. Creme per la pelle (in particolare creme solari e creme idratanti). Queste creme normalmente aiutano a proteggere la pelle dei nostri bambini, ma possono creare dei fenomeni occlusivi con conseguente difficoltà nell’escrezione del sudore
  3. Abiti sintetici e aderenti

SUDAMINA - DERMATOLOGO SPERONI

Come possiamo prevenire la sudamina?

È importante ridurre il più possibile la quantità di sudore prodotta e permettere al sudore prodotto di poter essere escreto normalmente.

Evitare la permanenza in ambienti caldi e umidi e privilegiare luoghi ombreggiati e ventilati.
Le docce e/o i bagni freschi o tiepidi regolari possono ridurre la temperatura corporea e prevenire un’eccessiva sudorazione.

Spogliare quanto più possibile la pelle dei nostri bambini. Utilizzare indumenti leggeri in cotone non stampato, evitando i tessuti sintetici.

Proteggere dal sole i bambini usando la cautela di evitare l’esposizione nelle ore centrali della giornata (11.30 – 16.30) riducendo in questo modo il numero di applicazioni di crema solare.
Esporsi ai raggi UV gradualmente, soprattutto nei primi giorni.Privilegiare creme solari poco grasse o latti solari. Particolare attenzione bisogna avere con la pelle dei bambini con dermatite atopica, i quali oltre alla sudamina possono sviluppare una non tolleranza agli ingredienti delle creme applicate. In questi bambini la gradualità di esposizione al sole è ancora più importante.

 

Qual è la cura?

Se ignoravate le accortezze di cui sopra o queste non sono bastate ad evitare l’insorgenza della sudamina cosa bisogna fare?  Cosa si può applicare?
Bisogna sapere innanzitutto che la sudamina si autolimita, risolvendo spontaneamente in qualche giorno. Tenete presente che in caso di comparsa di manifestazioni cutanee spesso la scelta migliore è fare il meno possibile. Tuttavia alcuni consigli pratici possono risultare utili:

  1. sospendere o ridurre il più possibile per qualche giorno l’esposizione al sole.
    In questo momento i solari e le creme idratanti possono peggiorare la situazione perché tendono ad occludere maggiormente le ghiandole sudoripare.
  2. fare bagnetti tiepidi eventualmente sciogliendo un cucchiaio di bicarbonato nell’acqua
  3. nelle zone più irritate è possibile applicare con parsimonia una crema lenitiva a base di ossido di zinco priva di eccipienti occlusivi come la vaselina.
  4. nei casi più ostici gli impacchi con una soluzione di permanganato di potassio (che deve essere prescritto dal dermatologo) possono avere un forte effetto antiprurito, antiinfiammatorio e antibatterico.
  5. antistaminici per bocca al bisogno possono essere prescritti in caso di prurito intenso. Non è invece indicato l’uso di cortisonici in crema o per bocca.
  6. se la spiaggia non può essere evitata preferite l’ombra

 

Buone vacanze a tutti 😉